Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

Na mnenna d’Vtount

[download]

Jì tant tijemp fà steve c’ na mnenna de Vtont’,
da molfetta ogni ddài c’ la maghina la scev’a pigghiaie,
e non la toccav’ mmàj percè l’amave assaie. Ca cijai!

‘Nnà dai ‘n’amic’ mai me vedì ‘nzim’a sta mnenna:
“Ce (sta)’ ffasc’ tu c’ cchedda”, me decì ‘nbacce jidde a mmè,
“A Vtont’ s’hà ffatt’a ttutt’, n’hà fresciute chedd’ de pulp, de pulp”.

Rit.
Non put’ capai comm’hai rimast’ maul,
tutt’ le terrais spennute p’ la benzin,
pe venì ad acchià stà zucculaun.
Speriam davvair ca Crist’ mmò te chiam.

(Lei) “Jè’ tutt ‘na fessarie”, me decist, “non è ‘vvair”
(Lui) “Sta ‘ddisce na busciaie, jì a te ormai non te craid”.
(Lei) “Non me put’ lassà acc’ssaie, dimm’almen ‘na paraul”
(Lui) “Puttain”!

Rit.
Non put’ capai comm’hai rimast’ maul,
tutt’ le terrais spennute p’ la benzin,
pe venì ad acchià stà zucculaun.
Speriam davair ca Crist’ mmò te chiam.
Ce prov mmò a ffà le caunt
oltre alla benzin pagav pizz’e ‘bbirr,
appena scennaiv deciv: “teng fame”.
Speriam davair ca Crist’ mmò te chiam.

Traduzione

Da ragazzo avevo una fidanzatina di Bitonto
e tutti i giorni da Molfetta con la macchina mi recavo a trovarla.
Nonostante mi attraesse molto fisicamente non mi permetteva di toccarla neanche con un dito perchè lei era una ragazza per bene, ed io che ne ero molto innamorato, rispettavo questo suo desiderio. Non mi crederete ma è così.

Un giorno un vecchio amico, vedendomi con quella ragazza,
mi prese in disparte e mi disse bruscamente:”Cosa ci fai tu con quella”.
“Non c’è uomo a Bitonto con cui lei non abbia giaciuto. Si racconta che non ne abbia mai abbastanza”.

Rit.
Provai un dolore profondo nell’ascoltare quelle parole.
Pensai subito a tutti i soldi che avevo speso in benzina
per scarrozzare in giro questa “santa” facendo pure la figura del fesso.
Mi auguro di tutto cuore che qualcuno dall’alto si adoperi per farle avere la punizione che merita.

“Sono tutte bugie”, mi disse, “non è vero niente”.
“Mi spiace ma ho difficoltà a riporre in te la stessa fiducia che avevo prima”, le risposi andandomene.
“Non puoi lasciarmi così, dimmi almeno una parola”, ribattè speranzosa.
“TROIA!”, conclusi dopo averci riflettuto neanche tanto.

Ora che ci penso,
oltre alla benzina ero sempre io a pagare al ristorante.
Scendeva da casa già con i morsi della fame.
Mi auguro di tutto cuore che qualcuno dall’alto si adoperi per farle avere la punizione che merita.

Da “Love Store” 1996 – Testo G. Nunziante, arrangiamento P. Iannattone, traduzione e voce E. Solfrizzi

Condividi
Share

Comments are closed.

Visite dal 01/03/04: 6.950.483