Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

Nu ngi’amà spusaj

[download]

La fidanzata maie se vole sistemà, ha daitt :”cuss’ann’ ngi’amm’à sposàj”.
“Ormaie sò tant’anne,c’ccaus’ stam’a'ffà ,tu a casa tau je a casa mai?”.
“P’mmaj non ci stann problaim, je ci vogghie bben, ma na fatiche je angor, angor  l’agghia acchià!”

Rit.
“Mo vogghie sapaie, c’ nù  ngi’amm’a sposàj, c’ cazz’ amm’à mangià, u uè disch tau a mai?
amà mangià lupin, la luce e u’ ggas c’ l’avà pagà?”

Non ne vole sapaie la fidanzata maie, ha daitt: “cuss’ann’ ngi’amm’à sposàj”
“Ormaie sò tant’anne, c’ccaus’ stoggh’a'ffà, mamm’ e papà non me volen cchiù vedè”.
Cred’ ca pe mai jè na scaus, invece non jè’vvair, percè na fatiche je, angor l’agghia acchià”.

Rit.
“Mò vogghie sapai, c’nù ngi’amm’a sposàj, c’cazz’ amm’à mangià, u uè disch tau a mai?
amà mangià lupin, la lauce e u’ggas c’ l’avà pagà?”
“Mò vogghie sapai, c’nù ngi’amm’a sposaj, a casa po’ la sair, c’ cazz’ hamm’a mangià, u uè daisch tau a mai?
amà mangià lupin, la luce e u’ ggas c’ l’avà pagà?”.

Traduzione

La mia fidanzata ritiene che sia giunto il momento perchè il nostro rapporto faccia un salto di qualità, perciò mi ha perentoriamente comunicato:” Ci sposiamo entro l’anno”
“Stiamo insieme ormai da tanti anni e non ha piu’ senso vivere separati ognuno a casa , oltre che a carico, dei rispettivi genitori”
Lungi da me l’dea di sottrarmi o di prendere tempo. Io le voglio veramente bene, ma dovrebbe sapere che nonostante ci abbia provato in ogni modo, non ho ancora trovato un lavoro che mi consenta di guardare con fiducia al futuro.

Rit.
“Ora, quand’anche ci sposassimo, sono curioso, e lo dico senza intenti polemici, di conoscere la tua idea riguardo a come potremo vivere una vita dignitosa non avendo soldi neanche per un sacchetto di lupini, figuriamoci per le bollette. E che cazzo”

Le mie obiezioni non hanno in alcun modo turbato la mia compagna che mi ha ribadito:” Ci sposiamo lo stesso”.
“I miei genitori stanno per cancellarmi dallo stato di famiglia”.
Lei pensa che io  inventi  delle scuse  e questo è profondamente ingiusto nei miei confronti, eppure anche i muri ormai dovrebbero sapere che uno straccio di lavoro non l’ho ancora trovato.

Da “Love Store” (1996) Testo  G. Nunziante, arrangiamenti P. Iannattone, traduzione e voce E. Solfrizzi

Condividi
Share

Comments are closed.

Visite dal 01/03/04: 6.950.287