Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

Simm’ turaist’ inglais

[download]

Na dai stev’ sedut’o’ bbar con la comitaiv’ e passaron’ do’ femmene esplosaiv’.
A ccudd’ punt chiamabb’ ‘u camarair’: “purt’ u cunt ch’ nge’ namma fusciai!”
le auandamm’ ‘o spund’, ievn’ do femmene stranier,
je e l’ amic mie non acch’cchiamm’ na parol’, citt’a pensaie com’avemm’a fa,
po tutt’ na volt s’ metter’n'a parlà

Rit.
“Simm’ turaist’ inglais’, stam’a Molfaitt’, mamm’ è Londinais, papà è d’ Barlett,
Molfett iè bell, stè pur ‘u ‘mar, però la saer’, le palle ng’ rompaim’!”

Facemm’ do pass costeggiand’u purt, l’ frutt ‘d’mar volevn’ assaggiaie.
Vongol, cozz, rizz, mangiarn tutt: “non’è cà mò ven l’epatait”?
Me ne scibb’ a cas’, a pigghia u’ cintevintisette,
e nge scemm’a ffà nu’ giair proprie jinde a Giovinazz’, fernì la benzain’ e rimanemm’ in terr’,
facemm’ na sort’ d’ figur d’ mmerd!

Rit:

Traduzione

Una mattina ero seduto al bar con gli amici di sempre, quando passarono due ragazze bellissime.
Chiamai subito il cameriere:”Ci porti il conto che abbiamo un impegno inderogabile”
Le raggiungemmo alla fine dell’isolato, non erano italiane.
Il mio amico ed io eravamo ammutoliti di fronte a tanta bellezza ma proprio mentre cercavamo un modo
per farci capire loro ci vennero in soccorso:

Rit.
“Siamo Inglesi, siamo venute in vacanza a Molfetta, mamma è Londinese, papà è nato a Barletta,
Molfetta è una bella città: il mare è fantastico, però di sera non ci sono iniziative per i giovani”

Ci offrimmo allora di accompagnarle in una passeggiata dalle parti del porto, quindi le invitammo a pranzo assecondando il loro desiderio di mangiare qualcosa di tipico.Gradirono particolarmente i frutti di mare tanto che dovemmo metterle in guardia dal rischio di mangiarne troppi.
Tornai  di corsa a casa a prendere la mia 127 per un giro romantico tra le mura della Giovinazzo vecchia,
ma nella fretta dimenticai di fare benzina e dopo pochi chilometri rimanemmo a piedi.
Risero di noi e ci lasciarono soli a spingere.

Da ”Love Store” (1996)
– Testo G. Nunziante, Arrangiamento P. Iannattone, traduzione e voce E. Solfrizzi

Condividi
Share

Comments are closed.

Visite dal 01/03/04: 6.950.333