Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

Sind’a mmè vattain

[download]

Ai te vaich mattain e sair, vestaut’ comm’a na c’zzail,
t’ tengh semp dann’anz’ all’ecchie mij.
Mic sacc’ comm’hai fatt, ad acchiarm jind’a stu’nguacchie,
sacc’ sul ca mò ssò fatt mij.

Rit.
Non t’si faccenne chiù acchià, sijnd’a mmè vattain addò uè!
Prauv’a sparesch’ dda me, sijnde a mmè vattain c’ciù uè!

Ogn’e'ttand te pigghie male, e te la vien a scontà c’mai,
e c’ se la pigghie n’gule sò semp’ji.
Ci’u aveva disce a mai ca ji aveva stà c’ tte
(ma) c’ continue acc’ssì te daic’addji.

Rit.

Traduzione

Sei una donna insopportabile,
non hai un briciolo di classe neanche nel vestire.
Non riesco proprio a capacitarmi di come abbia potuto ritrovarmi accanto a te,
posso dire solo che ne pago il prezzo.

Rit.
“Non farti trovare al mio ritorno, ti consiglio di andartene il più lontano possibile”.
“Sparisci dal mio orizzonte, vattene dove vuoi con chi vuoi”.

Quando qualcosa ti contraria sfoghi sempre la tua rabbia su di me
e spesso sono costretto a riparare i tuoi guasti.
Che peccato avrò mai commesso da espiare standoti accanto,
ma certo non potrò sopportare a lungo questa situazione.

Rit.

Da “Love Store” -1996 - Testo G. Nunziante, arrangiamento P. Iannattone, traduzione e voce E. Solfrizzi

Condividi
Share

Comments are closed.

Visite dal 01/03/04: 6.950.568