Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

Matrimoni

LocandinaVigilia di Natale a casa di Giulia e Paolo.
Ci sono il fratello di Giulia con la moglie e i figli, sopraggiunti da Trani per l’occasione, la sorella di Giulia alla continua ricerca di un fidanzato, i figli di Giulia e Paolo, ed una tavola traboccante di leccornie. Una serata che si ripete ormai da quindici anni, come il copione di un’opera teatrale, senza che nessuno sappia bene perché.
Gli immancabili assenti sono i genitori di Giulia, Alessio e Vera, separati da anni e da anni amanti segreti, pronti a ritrovarsi nella stanza di un albergo in preda ai più selvaggi istinti amorosi, per vivere la passione che in vent’anni di matrimonio non hanno mai provato. Poi c’è Giulia, o forse, soprattutto Giulia. Perfetta, puntuale, materna. Ma Giulia esce di casa e sale sul primo treno che le capita davanti e si ritrova a Trani, sola di fronte al mare agitato, e dopo tanto tempo sorride. Più tardi si ubriaca in un locale insieme ad una sua vecchia fiamma, si lamenta della sua vita, tradisce Paolo. E Paolo tradisce Giulia perché si sente abbandonato. L’ha cercata alla polizia, ha aspettato che gli telefonasse, ha giocato a tennis, come fa da sempre pur di non rientrare presto a casa, poi ha capito il suo silenzio e ha fatto l’amore con sua sorella.
A Trani però ci sono anche i genitori di Giulia, e presto li raggiungono anche Paolo, Sergio (Emilio Solfrizzi) e Lucia, Cathrine, la seconda moglie di Alessio, per una riunione di famiglia involontaria ed assurda. Così si parla finalmente, dopo tanto tempo, dei propri sogni e dei desideri nascosti, delle ferite inferte per debolezza e della voglia di stare ancora insieme. Il senso di “Matrimoni” è tutto nelle parole di Cristina Comencini che lo ha definito “un film di attori” perché più che narrare una storia mostra persone che vivono la propria vita. Fingendo, sbagliando, sperando.
Persone che si amano senza conoscersi, che si autoilludono e si cercano perché non possono stare sole, persone che si sorprendono e si giudicano. Attraverso un dialogo ininterrotto che diventa un autoritratto. (….).
(fonte: Tempi Moderni, rivista di cinema on-line, del 1998)

 

CAST TECNICO ARTISTICO
Regia: Cristina Comencini
Soggetto: Roberta Mazzoni e Cristina Comencini
Sceneggiatura: Cristina Comencini
Fotografia: Roberto Forza
Scenografia: Paola Comencini
Costumi: Antonella Berardi
Musica: Paul Racer e Matt Son
(Italia, 1998)
Durata: 102′
Distribuzione: Filmauro

PERSONAGGI E INTERPRETI
Paolo: Diego Abatantuono
Giulia: Francesca Neri
Vera: Stefania Sandrelli
Sergio: Emilio Solfrizzi
Alessio: Claude Brasseur
Sandra: Cecilia Dazzi
Fausto: Paolo Sassanelli

Condividi
Share

Comments are closed.

Visite dal 01/03/04: 6.950.524