Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

U’ 127 Abarth

[download]

Scennech’ de cas’ l’alda mattain’, pe pigghia’ la maghina mai,
arriv’ au’ spaunt’ e vaic’ ca nun ce staie’.
Va’ a vedaie addò la sò mettaut’… aier sair stev’ stonaut’…
nu taip’ me daisc :” uanna, te l’hann frecaut’ !! “

Rit.
U’ cindvintisett’ mai, u’ cindvintisett’ abàrth, con la rote d’ scorta ,nova nova, ha sparisciaut’.
Le tendin’ parasaul’, l’imbiant’ cu c’ddai, la calamait de la Medonne, la Medonne du Pauzz d’ Capaurs.

So’ sciute da n’amic’ mai, metàl meccanic’,  metà topain’, ppè vedaie ce potev’ fa’.
Mma’ ddaitt: “ce’ mmagghina t’hann frecaut’?” “U’ cindvintisett’ metallizzaut’”
Mma responnaut :
Ma vaffengaul’ !!

“C’ ssa c’ mme credaiv’, penzav’ ou’ Mercedais! Cce’ mmò non te ne vai ad’ avaie u’ raist!
Non’ nzi perdenn’ taimp, mmo’ mmo’ adà sparaisc, e accatt’ na maghina nova, accatt’ na magghina nova… ”
U’ cindvindisett’ mai c’ssope tutte l’adesaiv! Ccu motor’ ca’ c’tu u’ tiraiv’… facev’ cinde’ddaisc’ all’ore’ !
Addò stàie…..???

Jè m’jeve affezionaut ,nda’ denz’ ca jeve tutt’ caruaut ,pure l’impiand’ a gas n’g'aveve  montaut.
Appennaout tenev  ll’arbre magic e quann’ na mnenn trasev jinde saubt dicev:
“Mmò, c’addaur!”

Rit.

Traduzione

Una mattina di qualche giorno fa uscendo da casa  per prendere la mia autovettura, giunto alla fine dell’isolato mi accorsi che non era nel posto dove pensavo di averla parcheggiata.
“Chissà dove l’ho messa” pensai, “ieri sera ero un po’ stordito dall’alcol”, quando improvvisamente un ragazzo, forse perchè aveva colto il mio smarrimento o forse perchè aveva visto qualcosa, (ma questo non lo sapro’ mai), mi indicò la soluzione:” Te l’hanno rubata”:

Rit.
La mia 127! La 127 abarth di cui ero tanto orgoglioso! La 127 a cui avevo da poco sostituito la  ruota di scorta con una nuova di zecca ,è stata RUBATA!!!
La  mia 127,con tutti i costosi accessori che nel tempo avevo acquistato per arricchire la sua già completa dotazione: le tendine parasole, l’impianto stereo provvisto di caricatore cd, l’effige calamitata della Madonna del pozzo di Capurso, non c’è piu’.

Subito mi recai da un signore che non aveva ancora definitivamente operato la scelta se vivere dei proventi di un lavoro onesto, nella speranza che potesse farmi riavere, dietro pagamento di un riscatto, la mia auto.
Mio domandò :” Si ricorda il modello dell’auto che le hanno rubato”? “Si” risposi tonico:”Si tratta di una Fiat  127 Abarth di colore metallizzato”.
A questa mia risposta perse il suo aplomb iniziale e inspiegabilmente cominciò ad inveire contro di me usando il turpiloquio.

“Non posso aiutarla. Recupero macchine dalla Mercedes in su! Sparisca se non vuole che aggiunga al danno psicologico del furto la beffa fisica di un sacco di botte. E si compri un’auto nuova.”
“Dove sarà la mia adorata 127 con  il cofano posteriore pieno di adesivi colorati,
con il motore gagliardo che lanciato a pieni giri raggiungeva la proibitiva velocità di 110 Km. l’ora. Dove sarà?”

Io le ero affezionato e non facevo caso agli invidiosi che mi dicevano di aver scorto delle piccole macchie di ruggine.
Le avevo montato anche l’impianto a gas gpl.
Appesi allo specchietto c’erano diversi arbre magic in modo che quando una ragazza saliva a bordo subito esclamava:”Mamma mia che profumo intenso. Non sarà un pò forte?”.

Da “Love Store” (1996) - Testo G. Nunziante, arrangiamenti P. Iannattone, traduzione e voce E. Solfrizzi

Condividi
Share

Comments are closed.

Visite dal 01/03/04: 6.678.624