Emilio Solfrizzi

Sito ufficiale

Immagini Emilio Solfrizzi

Mino Pausa

Nel trigesimo del nostro amore

Le tue ultime parole

Dicesti: “solo la morte potrà dividerci”
“ci siamo divisi”

Disabitato

Quando tu mi hai lasciato
anche io me sono andato

Condividi
Share

Urna e diurna

Coincidenze ferroviarie
sottotitolo: Ti rimborsarono il biglietto

quella bomba viaggiava proprio sul tuo treno
proprio sul tuo vagone
proprio nel tuo scomparto
proprio sotto il tuo posto

Informazioni di morte

Apristi il giornale, confusa, per la fretta
non ti eri proprio accorta che era la gazzetta

Condividi
Share

La morte è un rimedio all’insogna

Ti sono rimasti sani solo i tuoi principi

Dicesti chi va piano va sano e va lontano.
Si! Ma tu andavi contromano.

Condividi
Share

Qui lo dico e qui lo annego

Scommessa persa

Scommetti che sto per morire
magari, non far la scema
il terreno ti sta per coprire io ti dimostro

Condividi
Share

Noce, mogano, rovere, che ti metto stasera

Colpo di fulmine

Un colpo di fulmine tra noi,
se ha preso te da me che vuoi?

Condividi
Share

Serata riciclata

Non ti era mai piaciuta la raccolta differenziata

per questo in una fossa comune ti hanno inumata

Eri fresca e bella come un fiore

Eri fresca e bella come un fiore
ma anziche in un prato
sei finita in un inceneritore

Condividi
Share

Liriche

Breve incontro

Ti conobbi al mare ma poi… affogasti!

La Gioia immensa che si trova nel riflettere

Chi prima, chi dopo,
tutti dobbiamo morire

Condividi
Share

Dipartita in partita

Stranezze di un volo

Precipitando da quell’aereo
tu salisti in cielo

Giorni di raccolta

Quel giorno non si aprì il tuo paracadute
e sopra un campo roccioso esplodesti in salute
eri sparsa in frammenti come un puzzle enorme
e su un pezzo di prato radunai le tue forme

Condividi
Share

Coperta di mogano

Corrente poetica

Riparavi la lampadina che illuminava la serra
ma quel filo scoperto t’ha coperta i terra

AAA marmi

Aaa marmi
graniti colorati
con la foto di ex-malati
che si sono addormentati
sperando di esere svegliati.
aaa marmi
Pietre scolpite,
coprite e levite.
Le vite diverse
ugualmente infinite.
Anche la più ottimista di quel tipo che scrisse chiaro sulla sua pietra:
“La vita.. è una merda!”

Condividi
Share

Poesie religiose: pietro, prima che il gallo canti, fai partire la base

Tu avevei ragione

In quel’incidente che ti fu fatale
tu avevi ragione

Per distrarti un pò

Sola in quel letto di ospedale
mi sussurrasti “è grave?”
ti risposi “no amore, durerà poco la tua croce”
poi per distrarti feci scegliere a te
su quel bel depliant…
la tua cassa di noce

Condividi
Share

Visite dal 01/03/04: 9.839.480